Seleziona una pagina

Nel video di oggi parliamo insieme di chi sono i lavoratori precoci e di quali requisiti devono avere queste persone per andare in pensione anticipata nel 2024.

Tieni presente che si considera un lavoratore come precoce se al compimento dei suoi 19 anni aveva già maturato almeno 12 mesi di contributi, quindi un anno. Se bastasse solo questo però come requisito sarebbe meraviglioso invece non basta ed allora oggi approfondiamo questo tema.

Prima di entrare nel vivo, se ancora non l’hai fatto iscriviti ai miei canali social attivando le notifiche per restare sempre informato sulle novità che andrò a pubblicare. Se ancora non mi conosci io sono Daniele Stroppiana e sono un consulente pensionistico e assicurativo pensionistico perché da diversi anni faccio il calcolo delle pensioni e aiuto le persone a capire se, come e quando andare in pensione, con quali possibilità. Ma soprattutto fino a quel momento (si spera) aiuto le persone già da quando sono giovani per proteggersi e tutelarsi da quelli che sono gli imprevisti che possono capitare con l’utilizzo delle assicurazioni.

Ricordo sempre che se vorrai approfondire la tua situazione potrai contattarmi in privato per richiedere la tua consulenza personalizzata.

QUALI REQUISITI SERVONO PER I LAVORATORI PRECOCI

Come ti dicevo prima per essere considerato un lavoratore precoce dovevi avere al compimento dei 19 anni di età anagrafica almeno già versato 12 mesi di contributi. Oltre a questo requisito devi avere anche 41 anni di contributi versati nel totale.

Ecco che si apre la possibilità di andare in pensione come lavoratore precoce. Ma ti anticipavo anche prima nell’introduzione che purtroppo non è tutto perché ci sono altri requisiti da avere. Solo Alcune categorie e tipologie di lavoratori possono andare in pensione se rispettano quei due requisiti. Devono Infatti rispettare i due requisiti principali ma averne anche almeno uno tra gli altri che ti elencherò.

Le categorie di lavoratori che possono sfruttare la pensione anticipata come lavoratori precoci sono coloro che:

  1. hanno un invalidità pari o superiore al 74%
  2. sono disoccupati
  3. sono impegnati in un lavoro usurante del quale ho parlato nel video dei lavori usuranti 
  4. fanno un lavoro rischioso
  5. o ancora che beneficiano della legge 104 e che sono magari dei caregiver perché hanno in famiglia una situazione di invalidità grave

Per quanto riguarda il fatto di farsi riconoscere la situazione come lavoratori precoce anche in questo caso, come per i lavoratori usuranti, va fatta una specifica richiesta all’INPS entro il primo marzo nell’arco dell’anno nel quale si raggiungerà il requisito dei 41 anni di contributi versati. L’INPS avrà tempo poi fino al 30 giugno per rispondere e dire se sì rispettati tutti i requisiti e quindi potrai andare in pensione come lavoratore precoce o meno.

Dopo aver ricevuto una risposta al raggiungimento dei requisito allora potrai fare la domanda di prepensionamento.

Diversamente però dai lavori usuranti che non hanno una finestra pensionistica attenzione perché invece i lavoratori precoci prevedono una finestra pensionistica. Quindi per i lavoratori dipendenti privati la finestra pensionistica è di 3 mesi, per gli altri lavoratori dipendenti invece del settore pubblico per esempio ex ipdap dal 2024 al 2028 la finestra passerà da 3 mesi a 9 mesi.

Bisogna tener conto anche di questa tempistica che si allunga e la condizione fondamentale per il lavoratore dipendente è sempre quella che deve cessare l’attività lavorativa e quindi bisogna dare le dimissioni.

Se vuoi scoprire la tua situazione specifica come ti ho detto prima puoi contattarmi in privato per richiedere la tua consulenza personalizzata e capire quali opzioni hai a tuo vantaggio o qual è la situazione che troverai a breve o fra diversi anni.

Non mi resta che mandarti un caloroso abbraccio e darti appuntamento al prossimo articolo.

Ciao da Daniele